TARIFFE PROFESSIONALI

APPLICATE PRESSO GLI STUDI DI OSTIA E LADISPOLI APERTO AD AGOSTO

Fibrolaringoscopia

Fibrolaringoscopia

La fibrolaringoscopia è un'osservazione diretta della laringe mediante una sottile fibra ottica flessibile, eseguita dall’otorino; tale esame specialistico permette di evidenziare eventuali lesioni ed è quindi indicato nella diagnosi delle patologie della laringe e dell'ipofaringe.

L’endoscopio o fibroscopio viene introdotto nella narice e, attraverso la parte posteriore del naso arriva dietro il palato molle. In questo modo si visualizza bene la laringe senza scatenare sintomi di vomito come nel caso del cavo orale.

In seguito ad uno spray anestetico si provvede al trattamento della zona interessata dall’esame, analizzando nel dettaglio la laringe, organo dell’apparato respiratorio dedicato alla produzione dei suoni.

Patologie individuate tramite il rinofibrolaringoscopio

Passando attraverso il naso il rinofibrolaringoscopio evidenzia:

  • presenza o meno di ipertrofia dei turbinati;
  • deviazione del setto nasale;
  • poliposi nasale;
  • varici del plesso di Kiesselbach e del locus valsalvae, dette anche capillari del setto nasale;
  • tumori benigni o maligni delle fosse nasali;
  • tumori del cavo rinofarigeo;
  • sinusite e condizioni che possono determinare ostruzione nasale, epistassi (sanguinamento nasale), rinorrea sieromucosa o similpurulenta.

Durante la rinofibrolaringoscopia si procede dal basso ed è possibile osservare la posizione del palato molle e la sua motilità, per evidenziare cause predisponesti o scatenanti un eventuale russamento, detto anche roncopatia, le tonsille palatine, la base della lingua, la laringe in tutte le sue porzioni: epiglottide, corde vocali vere e false, seni piriformi, ipofaringe e cartilagini aritenoidi, alla ricerca di tumori, polipi, noduli, segni diretti ed indiretti di reflusso gastroesofageo.

Raucedine

La raucedine è la perdita della voce, che assume un tono più basso e rauco. Tale malattia è generalmente causata da:

  • irritazione o lesione delle corde vocali;
  • infezione da virus o batteri;
  • uso eccessivo della voce;
  • inalazione di sostanze irritanti;
  • sinusite cronica;
  • reflusso gastroesofageo;
  • tubercolosi e sifilide;
  • tumore della laringe.

Per tali motivazioni è bene sottoporsi ad un’indagine specifica affidandosi ad un otorinolaringoiatra professionale e competente come il Dottor Bencivenga, un punto di riferimento per tutta la provincia di Roma.

La fibrolaringoscopia può essere eseguita sia negli adulti che nei bambini, dall’Otorino pediatrico, per evidenziare, anche nei piccoli pazienti, la presenza o meno di vegetazioni adenoidi, il loro grado di estensione, gli osti tubarici e la normalità della laringe

Share by: